liebe

perché conoscerti

ha cambiato la mia vita,

in un modo

che mai avrei

potuto immaginare.

perché non avrei mai

potuto immaginare

te

liebe

Arte Eticamente Accettabile, inaccettabile non-arte

RULES AND GUIDELINES: Art Gallery : “No pornographic, racist, or ethically intolerable works will be accepted.”

E chi decide cosa sia eticamente intollerabile ? E non dovrebbe forse dichiararci prima per quale etica e secondo quale senso etico e cosa sia un’ Etica ?

Unione di Due
Unione di Due

Ma prima di questo, avrà mai pensato o immaginato lontanamente cosa sia Arte ?

 

La dimensione della mente

‘Un uomo voleva sapere cos’è la mente, ma non nella natura, quanto nel suo personale e grosso computer. Così gli chiese ( nel  suo miglior Fortran, naturalmente) : “Tu calcoli che penserai mai come un essere umano ?”.La macchina si mise subito al lavoro, analizzando la propria struttura intrinseca. Alla fine, come è costume di queste macchine, stampò la risposta su una striscia di carta.

le Due Dimensioni Dell'Anima
le due dimensioni dell’Anima. Fabrizio Paoletti

 

L’uomo si precipità a prenderla e trovò, nero su bianco, le parole:  QUESTO MI RICORDA UNA STORIA.’

Gregory Bateson, Mind and Nature

canada-geese-348290_1280

Libro vero e vero tempio

C’è chi legge il libro scritto dagli umani e ne deriva verità immutabili, senza volerne leggere le innumerevoli contraddizioni,  invece di voler leggere il vero libro della Creazione: il mondo concreto in cui nasciamo.

pigeons-744303_1920

Se una volontà di un Creatore fosse scritta, credo che sarebbe stata scritta sulle pagine di un  libro che non si distrugge.

Non  inciso da mani, non raccolta di parole umane, ma un libro di materia vivente, sempre in mutamento.

Il nostro mondo è il Libro vivente, la più vera descrizione di quanto, di magnifico e terribile,  si contiene in questo mondo.

Ogni altro libro, diventa inutile se non contempla tutto ciò che l’umano comprende del mondo e di sé.

Correspondances

La Nature est un temple où de vivants piliers
Laissent parfois sortir de confuses paroles;
L’homme y passe à travers des forêts de symboles
Qui l’observent avec des regards familiers.

Comme de longs échos qui de loin se confondent
Dans une ténébreuse et profonde unité,
Vaste comme la nuit et comme la clarté,
Les parfums, les couleurs et les sons se répondent.

II est des parfums frais comme des chairs d’enfants,
Doux comme les hautbois, verts comme les prairies,
— Et d’autres, corrompus, riches et triomphants,

Ayant l’expansion des choses infinies,
Comme l’ambre, le musc, le benjoin et l’encens,
Qui chantent les transports de l’esprit et des sens.

Charles Baudelaire

Da I fiori del male, Les Fleurs Du Mal, 1857

Corrispondenze

 

La Natura è un tempio dove incerte parole
mormorano pilastri che sono vivi,
una foresta di simboli che l’uomo
attraversa nei raggi dei loro sguardi familiari.

Come echi che a lungo e da lontano
tendono a un’unità profonda e buia
grande come le tenebre o la luce
i suoni rispondono ai colori, i colori ai profumi.

Profumi freschi come la pelle d’un bambino
vellutati come l’oboe e verdi come i prati,
altri d’una corrotta, trionfante ricchezza

che tende a propagarsi senza fine- così
l’ambra e il muschio, l’incenso e il benzoino
a commentare le dolcezze estreme dello spirito e dei sensi

Ricercare-il-Sogno

una famiglia arcobaleno e un genitore rainbow

Quello che voglio condividere oggi non è una riflessione sul tema di due associazioni del panorama glbtiq italiano. 

Si tratta invece di una dimensione di relazione umana che dopo tanto tempo ho avuto la fortuna di provare di nuovo e che dopo una sospensione di alcuni mesi mi ha riportato a vivere con nuova consapevolezza.

La fortuna, che mi capitò qualche anno fa, di incontrare, tramite quella omonima associazione, la realtà delle famiglie arcobaleno, si è ripetuta qualche settimana fa, quando in circostanza non programmate e passando da Ferrara ho avuto la bellissima idea di contattare due amiche che vivono lì, di poterle rivedere e riabbracciare con le loro figlie di 9 anni e di riprendere la nostra conoscenza e dialogo.

Ho capito bene rivedendole, e riprendendo un filo di discorsi addipanatisi un discreto tempo fa, quanto sia forte il legame che mi fa sentire profondamente unito alla loro dimensione di vita. Loro, come altre persone che ho nel cuore che hanno fatto la stessa scelta di mettere su famiglia come coppia omogenitoriale, mi hanno accolto nella loro casa e mi hanno dato modo di condividere la loro dimensione quotidiana e familiare. Ho potuto così rinnovare e rivedere intatta quella dimensione di vita che mi ha affascinato al loro primo incontro,  la loro dimensione genitoriale.
Le due donne intelligenti e dolci che ho davanti a me con le loro figlie, e che posso osservare nel dialogo con le loro bambine, sono due mamme spettacolari.

Di loro, e del rapporto che hanno tra loro e con le loro figlie, è assoluta ed evidente in ogni momento la dimensione di mamme e questo ruolo che assumono costantemente che riveste le decisioni quotidiane come quelle dei progetti di vita e da cui deriva il loro impegno nell’associazione che rappresenta la loro famiglia.

Nel Nostro Mondo Colorato
Nel nostro mondo colorato – la famiglia di Chiara e Roberta Emma e Giada
Bellissimo respirare i momenti insieme con le loro figlie, sentire i racconti dei loro giochi ed impegni quotidiani, vederle cresciute e sentirle continuare a crescere con la consapevolezza della loro singolarità e della differenza che contraddistingue la loro dalle altre famiglie.

Bellissimo capire che di loro mi “intrippa” la personalità delle persone singole che si confermano uniche e vere, e la loro dimensione individuale di mamme, ciascuna con la sua personalità, e anche come insieme, di coppia, dove ciascuna interpreta il suo ruolo con il suo particolare carisma.

Oddio, il fatto che siano lesbiche è un dettaglio del tutto trascurabile ma è questa condizione che le contraddistingue totalmente da altre coppie e famiglie e rende loro necessario impegnarsi per portare avanti una battaglia che renda la loro famiglia uguale come diritti alle altre famiglie che vivono intorno alla loro casa, certo ciascuna di esse avrà pur certo la sua specifica realtà, dimensione e storia, proprio come la loro.

Ecco allora che l’incontro di un genitore rainbow, che vive una dimensione di genitore (pur separato) e di omosessuale, proprio come la loro, ecco che si trova ad essere “stregato” da questa magnifica dimensione umana di condivisione di ruoli e di responsabilità di rappresentazione di coppia, di genitorialità e di famiglia.

A casa loro io mi sento a casa, so di essere contornato da attenzione e cura, sento intera la dimensione di protezione e di educazione che risiede nel.dialogo fra le mamme e le loro figlie, che crescono consapevoli della presenza delle loro mamme e anche con la consapevolezza della necessità delle loro battaglie quotidiane per essere rappresentate come famiglia in un mondo che non le contempla.

Io le ringrazio per avermi ancora una volta accolto nel loro nido e avermi fatto respirare questa dimensione unica e grande della loro famiglia, atipica e pienamente famiglia, ovvero rappresentazione perfetta ed integrata della loro dimensione di coppia e della loro dimensione genitoriale..

Io, che ho una figlia da mia moglie da cui sono separato e divorziato, e che vivo la mia dimensione di genitore in una famiglia allargata e che con la mamma esercitiamo pienamente, condividendolo, il ruolo genitoriale, con la nostra assidua presenza nei confronti di nostra figlia ma anche nella forzosa distanza di genitori separati, sono ammaliato quando incontro quella dimensione piena di famiglia e di totale familiarità e condivisione di impegno che è la famiglia delle mie amiche Roberta e Chiara Bonora-Zangoli, unite in matrimonio a Barcellona nel 2010, con le loro figlie Emma e Giada riconosciute Bonora-Zangoli per lo stato spagnolo, pienamente figlie di entrambe le loro mamme, che vivono invece nella loro città e nella loro scuola la dimensione di bambine diverse, non contemplate dal loro paese, non tutelate e non riconosciute nel loro diritto di avere due mamme. E mentre vivono una meravigliosa dimensione di condivisione e di famiglia nelle loro case.

E qui scaturisce con forza l’amara riflessione.

Una famiglia arcobaleno con due mamme è una condizione reale ma non prevista dallo stato italiano.. lo Stato? Quello stato che in virtù del suo essere Stato dovrebbe tutelare i suoi cittadini e cittadine? Lo Stato che dovrebbe tutelare costituzionalmente queste bambine nella loro dimensione di famiglia e che invece si dimostra stato assente e patrigno e le obbliga ad emigrare per vedere riconosciuta la loro condizione di figlie delle loro due mamme.

Povero paese l’Italia che emargina e tradisce la fiducia di chi non riconosce pienamente come figlio/a, e lo rinnega e lo respinge, ledendo il diritto primario del riconoscimento della sua identità familiare.

Altrove, in un altro spazio e in un altro tempo, vi accoglieranno e così invece oggi noi ci perdiamo l’opportunità di riconoscere come paese civile, il fondamento di una famiglia e il fondamento dell’amore. Abbiamo veramente fallito il progetto di questo paese.

E rimane in me la voglia e la consapevolezza della forte identità della mia condizione di genitore omosessuale con la loro e di voler lottare per i loro per gli stessi diritti, che appartengono totalmente anche a me, pur avendo una condizione di vita totalmente diversa. I loro diritti e quelli delle loro figlie mi appartengono come essere umano e come cittadino di questo paese che è lo stesso paese mio e di mia figlia.

Sono consapevole che la stessa ottusità che non contempla oggi la vostra famiglia è la stessa omofobia che mi ha impedito nella mia fanciullezza ed adolescenza di riconoscermi come omosessuale e di vedermi in un giorno futuro, come il futuro padre che volevo diventare, vivendo una condizione di coppia genitoriale ed affettiva come la vostra.

Care Chiara e Roberta, al vostro fianco nelle vostre e nostre battaglie io ci sono.

Fabrizio

i miei ritratti di altre famiglie arcobaleno
faith-rid

in god we do not need to trust..

riprendo il tema della mia opera in relazione a questa  sollecitazione di oggi di bergoglio. Francesco Non sono d’accordo e la frase citata è non solo discriminatoria e pregiudizievole  ma si basa su un assunto che è falso e lo spiego. Adorare un dio senza coglierne il significato è inutile. Se non si comprende che il dio è suggello rispetto al comportamento etico che vuol dire “responsabile e rispettoso” delle persone nei confronti di altri esseri umani e dell’ambiente e che quello è il principio ispiratore di una vera etica dio è inutile anzi toglie la responsabilità della scelta etica nell’uomo collocandola nella mente astratta divina e rimuovendola da quella della persona.  La vera Etica è un’etica che non ha il bisogno di un dio ma è quella che nasce dall’intimo desiderio e inclinazione di una persona verso il rispetto di ciò che è altro da sé e verso il sentirsi responsabile di quanto agisce e non agisce nei confronti dell’altro/a. ammantare questo senso di responsabilità da un velo divino serve solo per incutere un timore reverenziale che è purtroppo solo tossico rispetto al valore dell’etica di responsabilità e rispetto. e da quella tossicità che si scatenano conflitti interessi di parte e guerre di religione in senso stretto e traslato. amen faith-rid per inciso in modo molto più chiaramente dimostrato la tesi può essere ritrovata in questo libro del filosofo Eugenio Lacaldano “un’etica senza dio”, libro che ho scoperto dopo aver partorito la mia idea di Etica di valore solo senza la necessità di un qualsivoglia dio. eticasenzadio

Chronoi

Essere ed Arte

Arte, artificio, artificiale.

Motivata finzione,

reale imitazione.

 

Tradita traduzione dell’essere

nella materia

e nell’immateriale.

 

Espressione di ciò

che realmente non è, essendo realmente.

 

Pura tecnica o tecnica pura,

decoro, artigianato ?

Meglio espressione di azione e volontà.

Artivismo.

Ricerca di ciò che siamo o vorremmo essere

interpretazione di ciò che è o si vorrebbe che fosse.

 

Incongruenza espressa.

O Congruenza,

dalla nostra Incongruenza

logo-intersexioni

vivere l’intersessualità di un* figli*

Condivido qui  l’esperienza di ieri sera per l’incontro fiorentino del collettivo Libere Tutte con la specificità dell’intersessualità con la presenza di intersexioni.

devo dire che sono andato pensando di sapere cosa mi aspettava dato che conosco da tempo Michela e Alessandro di intersexioni e ho avuto da loro il racconto e le spiegazioni sui temi intersex e anche ho assistito a altri interventi sul tema come all’evento Liberazione Generale 1 di Firenze l’anno scorso.
quando sono arrivato anche un po’ in ritardo per il lavoro che ho dovuto fare ieri, si era già iniziata la discussione e stava parlando una donna, mamma di una bambina intersex di 4 anni.
Il suo intervento mi ha lasciato totalmente spiazzato e mi sono immedesimato in lei, nell’interazione con la piccola, con i bambini ai giardini, con i genitori dei bambini e dei compagni.
la piccola Mxxxxxxxxa che evidentemente è stata assegnata al genere femminile ( di solito per prassi si fa così ) presenta a quanto ho capito anche caratteri sessuali maschili esterni, e non si sa bene come evolverà la sua identità, la mamma cerca di vestirla più neutra possibile ma ovviamente ha un nome femminile e le persone quando la vedono la prima cosa che chiedono è se sia un maschio, e la bimba inizia a porre la questione alla mamma “mamma ma io sono un maschio o una femmina?”.
Ho sentito su di me il peso che questa situazione porta, come l’attribuzione del genere sia un marchio per la nostra persona, come in base al genere che ti viene riconosciuto chi si pone di fronte a te entra in relazione in un modo piuttosto che in un altro, come sia un assunto fondamentale dovere essere identificato col genere per la società e per poter avere un approccio relazionale al mondo. ho sentito tutta la difficoltà di questa mamma che cerca di trovare la strada per spezzare la barriera della necessità di identificazione del genere per sua figlia con grande difficoltà, una battaglia contro il mondo.
Avere questo riporto, la visibilità di persone intersessuali che sviluppano questa loro “natura” che tipicamente  viene considerata anormale/anomala e quindi patologizzata e medicalizzata a forza, quando poi si scopre da adulti che il gioco dell’identità di genere non è strettamente ed univocamente legato alla somministrazione di ormoni che possono addomesticare la “natura” di queste persone.. come ci racconta Alessandro che fino a 17 anni ha vissuto come ragazza e poi ha interrotto la somministrazione di farmaci che gli venivano somministrati dalla nascita, per diventare l’uomo e la persona completa che è oggi.
Sentivo la necessità di condividervi questo, a volte si fa tanta teoria e teorizzazione, ma quando si tocca dal vivo e ci si immedesima sulla situazione e si conoscono le persone che vivono queste situazioni, si capisce come sia una impresa difficile vivere nel quotidiano questa dimensione.

Fabrizio

logo-intersexioni
http://www.intersexioni.it/category/intersex-2/

 

le Due Dimensioni Dell'Anima

Autenticità

Le ideologie possono solo contrapporsi.

nascondendo la verità per giustificare l’ingiustificabile

si crea confusione e guerra.

 

 

“Polemos è di tutte le cose padre, di tutte re, e gli uni rivela dei e gli alti uomini, gli uni fa schiavi e gli altri liberi”. Eraclito

 

2-tiedtocum-r

Opere ispirate al mondo Leather Gay – Gay Leather lifestyle Artworks

After the decision to hold Mr Leather Europe 2013 Context in Padua November 9th 2013, Fabrizio Paoletti challenged himself to realize in his conceptual abstract painting some  works dedited to gay Leather suggestions. Three Artworks then come alive which will be won as prize for Mr Leather Europe 2013  winners.

Dopo la decisione di tenere l’elezione di Mr Leather Europe 2013 a Padova il 9 novembre 2013, Fabrizio Paoletti si è posto la sfida di realizzare nella sua pittura astratta concettuale alcune opere dedited ai suggerimenti nello stile leather gay. Prendono vita tre opere, che sarà date in premio ai primi tre classificati del Mr Leather Europe 2013.

 

3-electro-r

Electro ( Offend ) – canvas, acrylycs, 50×50

 1-cumshot-r

CumShot (There it was )- canvas, acrylycs, spikes, 50×50 

 2-tiedtocum-r

Bound to Cum ( Was I tied ?)  – canvas, acrylycs, rope, 50×50

Mr Leather Europe 2013,

hosted by Leather Friends Italia Association

………..

the Prize page

 …..

and the winners are

MrLeatherEurope2013

1st Prize Mr Leather Italy Francesco

2nd Prize Mr Leather Oyst Francisco Villatoro

3rd Prize Mr Fetish Biker Matthias Ganik

photo courtesy of Danilo Mario Primo Pacifici

MrLeathermanPuroquore

tutti i battiti del Quore